Nell'immaginario comune, una scrivania non ordinata è prima di tutto sinonimo di disordine e disorganizzazione nella propria mente: certamente garantire efficienza e pulizia del nostro spazio di lavoro influenzerà le nostre prestazioni professionali, massimizzando la produttività e la qualità del nostro lavoro. Inoltre, uno spazio di lavoro ordinato, ci permetterà di trovare immediatamente gli oggetti e gli accessori dei quali abbiamo bisogno, senza farci perdere tempo prezioso. Tanto premesso, possiamo certamente concludere, in fatto di pulizia e ordine del nostro piano di lavoro, che conservare una scrivania pulita ed ordinata, ci farà lavorare con molta più efficienza: sarà opportuno quindi, dedicare un po' del nostro tempo libero, per ripulire ed ordinare con disciplina il nostro spazio e piano di lavoro.

La corretta organizzazione della propria sedia e scrivania, non può dunque prescindere dalla pulizia e dall'ordine della sua superficie, dei suoi ripiani e cassetti. Un altro aspetto molto importante, per sfruttare al meglio lo spazio disponibile sul piano di lavoro, sarà posizionare oggetti, accessori e strumenti di lavoro, in modo corretto e funzionale. Una volta che avrete stabilito come allestire e organizzare la scrivania, potrete procedere a sistemare gli oggetti in modo tale da ottimizzare al meglio la produttività e soprattutto combattere il caos.

Come organizzare la scrivania al meglio

Dove mettere la scrivania?

Veniamo al tema del posizionamento della scrivania all'interno dello spazio dell’ufficio: qual’è il miglior posizionamento della scrivania in ufficio?

Quando ci troveremo a dover arredare una stanza vuota, indipendentemente dal fatto che essa rappresenti un ambiente della nostra casa o il nostro ufficio di lavoro, avremo sempre e comunque alcuni dubbi: il punto è operare in modo da organizzare un ambiente di lavoro funzionale e pratico; a tal proposito il posizionamento della scrivania è un’operazione molto importante. Sul piano di lavoro o sulla scrivania, tanti lavoratori passano moltissime ore e svolgono la maggior parte delle proprie attività lavorative e professionali. Nel posizionamento della scrivania, dovremo certamente considerare il fatto che ogni ambiente sarà caratterizzato da una diversa configurazione degli spazi a disposizione: in alcuni uffici non avremo una grande possibilità di configurazione e posizionamento degli arredi.

Oggi vi forniremo alcuni consigli generali per operare al meglio nella scelta del posizionamento della scrivania all'interno dello spazio dell’ufficio, in modo da ottimizzare lo spazio che avete a disposizione e creare un ambiente armonico e confortevole.

Evitare di posizionare la scrivania rivolta verso il muro

Non guardare il muro

I migliori interior designer specializzati nell'arredamento degli uffici e spazi di lavoro, consigliano sempre di evitare il posizionamento della scrivania addossato al muro. A tal proposito il concetto di base è quello che sarà preferibile non trovarsi seduti di fronte ad una parete: in questo caso verrebbe certamente alimentata la sensazione di chiuso e ristrettezza, motivo per cui questa opzione andrà assolutamente evitata per garantire il comfort del lavoratore. Se non potrete tuttavia evitare il posizionamento di una o più scrivanie in prossimità delle mura dell’ufficio, il nostro consiglio è quello di ravvivare le pareti, dando un tocco di colore o con l’ausilio di installazioni, stampe o quadri; in alternativa potrete decidere di predisporre sulle pareti adiacenti alla scrivania delle mensole o dei ripiani con al di sopra degli oggetti di design.

Un fattore molto importante che dovrete considerare è il fatto che alcuni lavori o professioni, richiederanno un alto livello di concentrazione nell'espletamento della pratica professionale: pertanto il nostro consiglio per chi si ritroverà in questa categoria di professioni, sarà invece di considerare il posizionamento della scrivania di fronte al muro, in modo da evitare distrazioni e poter così concentrarsi nel modo migliore: spostarsi leggermente al centro della stanza aiuterà certamente a diminuire la sensazione di claustrofobia, lasciando un spazio vuoto tra la scrivania e la parete.

Mai dare le spalle alla porta

Un altro fattore molto importante, sempre ritenuto significativo da arredatori e designer, sarà quello di sedersi alla propria scrivania, senza mai dare le spalle alla porta dell’ufficio; allo stesso modo non dovremo dare le spalle al corridoio, o ad altre aperture.

Qualora un passaggio, con relativa apertura, sarà localizzato dietro la sedia del lavoratore, questo comporterà delle inevitabili distrazioni dello stesso nel momento in cui entrerà qualcuno dalla porta o da un passaggio presente all'interno della stanza dell’ufficio. Detto ciò, sarà opportuno posizionare la scrivania in posizione perpendicolare a porte ed aperture; in particolare dovranno essere rivolte ad aperture, porte e finestre, esclusivamente i lati della scrivania. In questo modo la persona che siederà alla scrivania, potrà tenere sotto controllo gli spostamenti e i movimenti che avverranno all'interno degli spazi, evitando distrazioni causati da essi. Se operate in contesto nel quale vi trovate professionalmente a dover ricevere un numero importante di persone ogni giorno, il nostro consiglio è quello di posizionare la scrivania rivolta con la faccia all'entrata della stanza o dell’ambiente di lavoro. In questo modo, le persone che si introdurranno frequentemente nel vostro ambiente di lavoro (sempre se esse saranno educate), avranno immediatamente lo sguardo rivolto verso di voi, potendo così comprendere se siete impegnati o se invece è possibile disturbarvi.

Una soluzione perfetta per questo scopo è il posizionamento della sedia e della scrivania, verso la porta d’ingresso dell’ambiente di lavoro, ma non esattamente di fronte ad essa. Ad ogni modo, per il corretto posizionamento della scrivania all'interno di un ufficio, sarà bene identificare un punto dell’ambiente ben illuminato e caratterizzato dalla presenza di luce naturale. A tal proposito considerare l’esposizione alla luce di un ambiente, sarà molto importante per valutare il corretto posizionamento di una scrivania; operando un’accurata valutazione, eviterete che i riflessi di luce vadano a interessare lo schermo del vostro computer, disturbandone la visibilità. Se infine deciderete di acquistare una scrivania forma L, il nostro ultimo consiglio è quello di non addossare al muro entrambi i lati dell’arredo, onde poter evitare di trovarvi seduti di fronte alla parete.

Consultando il nostro catalogo, potrete scegliere tra una vasta gamma di scrivanie che costituiscono la nostra proposta; potrete scegliere ad esempio il banco aula didattica Tana 1, il tavolo Bann A 10 o o il tavolo Bann C; e ancora il tavolo Kolva (A 10 o C), il tavolo Tibisco nei suoi vari modelli, e tanti altri prodotti.